Spedizione €6,90 - Gratuita per ordini di €39

Meglio usare cartucce con o senza testina integrata?

con o senza testina integrata

Una delle differenze sostanziali quando si decide di acquistare una stampante è quella di utilizzare cartucce con o senza testina integrata. Questa condizione può influenzare non poco l’utilizzo, la manutenzione e gli acquisti delle ricariche per il tuo lavoro di stampa.

La differenza sostanziale è questa: le cartucce con testina itegrata sono composte da un elemento per il nero e un secondo per tutti gli altri componenti cromatici. Quelle senza sono individuali. Quindi hai un vero e proprio serbatoio di inchiostro per ogni colore.

In questi casi a testina -  elemento utilizzato per trasferire l'inchiostro sulla carta grazie al movimento in senso orizzontale, da sinistra a destra - è integrata nella stampante.

E il cambio cartuccia si effettua per il singolo colore. Questa può sembrare una soluzione sempre conveniente. Ma è così? Meglio cartucce con o senza testina integrata? In primo luogo la scelta dipende dal tipo di stampante a inchiostro liquido che hai comprato. Però vediamo insieme qual è la soluzione più conveniente in base al tipo di lavoro.

 

Cartucce con testina integrata

Sono i modelli che presentano anche l’elemento necessario per trasferire il colore dal serbatoio al foglio di carta. Le caratteristiche fondamentali sono due. In primo luogo abbiamo solo due blocchi, il nero e quello dedicato agli altri colori. Quindi non si cambia la singola cartuccia quando manca, ad esempio, il giallo o il magenta ma l’intero blocco.

Inoltre questi modelli hanno bisogno di un numero inferiore di cicli per pulire le testine, quindi in linea generale c’è una quantità superiore di inchiostro che viene utilizzato per produrre e non per manutenzione delle testine stesse. Ancora una caratteristica: quando si esaurisce il nero, glia ltri colori vengono miscelati fino a realizzare una simulazione valida.

 

Cartucce individuali

In questo caso parliamo di veri e propri serbatoi di inchiostro senza testina integrata. La quale è presente di default nella stampante. In questi casi ogni colore ha la sua cartuccia di inchiostro e puoi cambiare il singolo elemento nel momento in cui si esaurisce.

I vantaggi di questa soluzione sono facilmente intuibili: puoi cambiare il singolo elemento nel momento in cui si esaurisce e non devi per forza sostituire l’intero kit. Di base le cartucce individuali senza testina integrata sono più economiche perché non c’è alcuna tecnologia di accompagnamento: stai acquistando dei semplici contenitori di plastica pieni di inchiostro.

Quindi, quali sono gli svantaggi di questa soluzione? Devi pulire le testine in autonomia - oa ffidarti ai cicli di pulizia automatizzati - se vuoi mantenere la massima qualità della stampa. Rispetto alle cartucce integrate, non cambi con la cartuccia anche la testina che tende a consumarsi e rovinarsi nel tempo. Quindi devi curare la sua manutenzione.

 

Meglio cartucce con o senza testina integrata?

Come sempre, la scelta dipende molto da come usi la stampante. Se sfrutti questa periferica in un ambiente domestico, e magari stampi pochi fogli al mese, può essere utile avere un modello con cartucce a testina integrata. In questo modo scongiuri il rischio di far seccare l’inchiostro dato che questi modelli hanno una durata superiore. E non necessitano di stampe per la pulizia delle testine, le quali si cambiano a ogni sostituzione cartuccia.

stampa

Questo passaggio rappresenta un punto a favore per le stampanti con cartucce a testina integrata perché così cambi a ogni sostituzione inchiostro anche un componente che si usura spesso. E se decidi per il refill? In questo caso la cartuccia individuale ha dei vantaggi in termini di praticità: non c’è rischio di danneggiare la testina ed è tutto più semplice.

Se la stampante viene utilizzata ogni giorno conviene usare i modelli senza testina integrata perché hanno una serie di vantaggi relativi alla possibilità di cambiare solo quella che serve senza dover intervenire su tutti i colori. Inoltre, questi modelli sono ideali quando hai bisogno di massima precisione. Infatti, come anticipato, i modelli con testina integrata risolvono il problema dell’assenza di nero con una combinazione di altri colori.

Questa soluzione va bene per stampe grafiche anche di buon livello, dato che le stampanti moderne hanno delle ottime soluzioni per ottimizzare i colori. Però se punti sulla qualità massima e devi stampare foto con tante sfumature non puoi scendere a compromessi.

 

Quale stampante scegliere, in definitiva?

La base di partenza è questa: se usi poco la stampante e a volte passano settimane o mesi da un utilizzo e l’altro conviene usare le cartucce con testina integrata: automatizzi la manutenzione, eviti che si secchi l’inchiostro e semplifichi il lavoro per avere sempre tutti i colori a disposizione. Se invece cerchi efficienza e prestazioni massime conviene utilizzare le soluzioni senza testina. In ogni caso puoi trovare qui le migliori cartucce per inkjet.

 

Per approfondire: